Cosa sono i deepfake e cosa si rischia davvero?

Sai cosa sono i deepfake e perché dovresti starne alla larga? Così come le notizie false, anche questa tecnologia che sfrutta l’intelligenza artificiale, simula un video in cui personaggi famosi o noti volti della TV espongono le cose più assurde mai esistite.

Rispetto ad una fake news, il video potrebbe risultare più credibile, di conseguenza molta più gente potrebbe abboccare. In realtà è tutto un falso: tra le truffe più diffuse online l’ultima tecnologia è proprio quella del deepfake. Ma come si crea, è davvero così facile?

Come si crea un deepfake e quanto può essere pericoloso

Il deepfake non è altro che un video di immagini sovrapposte acquisite dall’intelligenza artificiale, che a sua volta è in grado di apprendere velocissimamente grazie alla presenza del suo algoritmo complesso che simula la struttura dei neuroni (dette anche reti neurali artificiali).

Online si possono trovare software e programmi in grado di sfruttare il deepfake. Per farlo però non basta usufruire dell’algoritmo spiegato prima, ciò viene combinato con il GAN, ovvero Generative Adversarial Network, ovvero una rete antagonista generativa.

Il GAN a sua volta di distingue per due differenti reti neurali che vanno in contraddizione tra loro:

  • Generatore: la cui finalità è quella di acquisire sempre più dati, chiaramente falsi ma con l’obiettivo di sembrare veri.
  • Discriminatore: verificare la credibilità e veridicità dei dati del generatore.

Affinché un video risulti vero, gli algoritmi hanno necessità di acquisire sempre più dati nuovi. Per esempio tantissime fotografie della “vittima” che apparirà nel filmato. Se ti fosse sfuggito, poco tempo fa Striscia La Notizia mandò in onda il video falso di Renzi.

Quest’ultimo venne realizzato dal programma di Antonio Ricci per pura satirica. Osservando attentamente il contenuto, si può notare che il collo di Matteo Renzi è “taroccato”, ma capisci bene che in diretta TV e senza porre attenzione, il filmato sembra più che veritiero

Quali sono i rischi più grossi per i deepfake?

Dopo averti spiegato cosa sono i deepfake è bene esporre i rischi alla quale potrai incorrere. Se un malintenzionato decidesse di ricattarti potrebbe sfruttare benissimo questa tecnologia grazie ai software diffusi sul web.

Immagina il cattivo di turno minacci di mandare a tua moglie (o viceversa) un filmato in cui mostra il tuo tradimento (chiaramente fittizio). Anche se tu fossi convinto di non averlo mai fatto, con il deepfake accadrà l’esatto opposto: il tuo viso sarà presente in un video hard.

Molti volti di personaggi pubblici vengono utilizzati ogni giorno per dare sfogo ai propri desideri sessuali o peggio ancora, per ricattare ed estorcere denaro. Ma com’è possibile difendersi dai deepfake?

Come far uscire allo scoperto un deepfake?

Sviluppare un sistema di intelligenza artificiale e machine learning in grado di riconoscere un deepfake non è facile. L’impresa però, sembrerebbe esser stata compiuta da alcuni ricercatori esperti dell’Università Tecnica sita a Monaco.

Essi avrebbero dato vita a XceptionNet, un software basato sull’apprendimento automatico in grado di analizzare e tracciare la presenza di alcuni dati manomessi o fotomontaggio.

Il programma è ancora in fase di ottimizzazione, l’obiettivo è quello di raggiungere la quasi totalità e perfezione per smascherare un deepfake (ovvero un video falso).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *