Pagare merce usata tramite ricarica postepay? ATTENZIONE

Visto il grosso proliferare di mercatini dell’usato e delle occasioni su Facebook vogliamo mettervi in guardia sui rischi che correte acquistando in questi mercatini online. Pagando con metodi di pagamento non sicuri come ricarica Postepay, rischiate di trovarvi con in mano un pugno di mosche e senza aver la possibilità di andare a reclamare nulla, visto che molte volte sia le intestazioni delle carte che sopratutto quelle dei profili Facebook sono totalmente false. Ma quindi come possiamo fare per tutelarci se vogliamo comprare un oggetto usato su Facebook?

Chiedere il pagamento in contrassegno nella spedizione: Con il pagamento in contrassegno della spedizione potrete controllare al ricevimento della merce che sia tutto giusto e corretto, e una volta controllato pagare al corriere la cifra corrisposta, certamente chi vende si sentirà in diritto di chiedervi i circa 5-8 euro di differenza che corrono tra una spedizione normale e una spedizione in contrassegno, ma se il gioco vale la candela perché rischiare di pagare e non avere in mano nulla?

Chiedere il pagamento tramite Paypal: Paypal ha degli standard molto rigidi tra i suoi clienti e venditori, riuscendo ad aprire un contenzioso i soldi potrebbero rimanere bloccati in attesa di verifica, e una volta confermato che tu sia stata vittima di truffe i soldi ti vengono restituiti. Certamente non è tutto oro ciò che luccica e quindi dovrete rispettare rigide regole per evitare di essere truffati e non potervi rivolgere a Paypal. Vi lascio qui il link con tutte le istruzioni del caso. Clicca Qui

Vedersi per controllare l’oggetto e pagarlo: Sicuramente una delle formule più tranquille di pagamento, ci si vede ( Magari in un bar dove c’è altra gente e siete più al sicuro ) e si vede la merce, se si è ancora interessati e la merce corrisponde all’annuncio su internet si paga il venditore. ( Cercate di non andare mai da soli a questi scambi, numerose volte si sono trasformati in rapine per la presenza magari di donne indifese )   Conclusione: Se il venditore si rifiuta di accettare una alternativa a questi metodi, quasi sempre si tratta di truffatori, l’unico modo che hanno per sfuggire alla legge rimane quello di farsi pagare tramite ricarica postepay ( Normalmente quella gialla ) che si ricarica direttamente con numero tessera e codice fiscale. Cercate sempre di avere un contatto telefonico e fate una semplice ricerca su google, se il truffatore ha già colpito ci saranno diversi post su Facebook o in qualche forum dove ci saranno i suoi dati, inseriti da altri malcapitati che ci sono cascati prima di voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *