Prenota online una Casa Vacanza a Rimini, ma solo dopo scopre la Terribile Truffa

Una vacanza che si preannunciava da incanto è finita per essere la più terribile di tutte. A denunciare l’accaduto è un ragazzo di trent’anni di Carpi, che dopo aver pagato una vacanza online è finito per essere truffato.

Il giovane dell’Emilia Romagna ha raccontato di aver spulciato su Subito.it una serie di case vacanza per godersi le sue ferie. Affascinato da una in particolare decide di selezionarla.

La truffa sulla fantomatica casa vacanza di Rimini

L’inserzione sembrava molto reale, un annuncio ben corredato di foto professionali, la descrizione piuttosto dettagliata e il venditore molto cordiale e disponibile.

Motivo per cui la vittima decide di affidarsi e selezionare la bellissima casa vacanza a Rimini, pagando ben €1.200 e versando la somma sulla prepagata PostePay del venditore.

Dopo aver raggiunto il luogo, la vittima si è accorta del raggiro poiché l’indirizzo indicato era quello di un campo rom. Dopo inutili tentativi di chiamata al truffatore, il trentenne si è reso conto della truffa.

Iniziando le indagini per aggravata truffa

In un primo momento, per evitare di rovinare più di quanto non lo siano già state le ferie del giovane, egli decide di cercare un ulteriore alloggio  e godersi un po’ di giorni presso il mare di Rimini.

La truffa delle case vacanze è una dei raggiri online più frequenti, al rientro la giovane vittima non si è data perduta e ha denunciato quanto successo ai carabinieri.

Dopo qualche giorno di indagine, le Forze dell’Ordine sono risalite al truffatore: un cinquantenne residente a Roma, che ha ricevuto subito la denuncia per truffa.

Come evitare i raggiri online

Il ragazzo di Carpi non è l’unico a subire queste ingiustizie, purtroppo sul web i truffatori che approfittano di certe situazioni sono numerosi. Ma com’è possibile prevedere tutto ciò?

Prima di smascherare un truffatore è più opportuno concentrarsi sui metodi efficienti per evitare i raggiri online:

  • Prediligi metodi di pagamento come PayPal per rintracciare e ottenere un eventuale rimborso;
  • Nel caso delle case vacanza, fai una ricerca approfondita sull’indirizzo di quest’ultima e verifica che il venditore corrisponda al proprietario;
  • Nei casi di appartamenti per vacanze chiedi di inviarti un link alternativo su piattaforme apposite come Booking, AirBNB e similari;
  • Fai in modo che il venditore ti invii una sua documentazione e preferibile un accordo scritto con firma autografa;

Una volta accertato e aver messo in piena sicurezza l’acquisto o la prenotazione online, la percentuale di buona riuscita sarà certamente più elevata.

Sextortion 2018: Nuova Truffa Online, Cos’è e Come Difendersi

In rete da pochi giorni gira l’ennesima truffa, stavolta in forma diversa. il suo nome è Sextortion.

Come si intuisce dal significato, gli hacker ti minacceranno inviandoti una email simile:

Versa 570$ in Bitcoin su questo conto entro 24 ore o invierò ai tuoi contatti un video double-screen in mio possesso che mostra tu che ti masturbi da un lato e dall’altro il preciso filmato porno sul quale lo fai”.

Sextortion: perché la gente può credere a questa email?

Sextortion rientrerà tra le nuove truffe online più diffuse nel 2018, un nuovo modo di minacciare gli utenti e ricevere soldi dagli stessi.

Naturalmente in nessun modo il delinquente online potrà avere un video di te ripreso durante atti osceni.

Molti però abboccano, in quanto nell’email viene spiegato di aver preso possesso di tale materiale a causa di un malware installato sul device della vittima.

A rendere la situazione ancor più credibile è che all’interno del messaggio della posta elettronica, il pirata informatico in alcuni casi scrive nome, cognome e riporta il profilo social della vittima.

Come difendersi da questo tentativo di truffa

Nonostante tutto possa sembrar incredibile, la realtà è ben diversa: i tuoi dati sensibili vengono raccolti dalle società che a sua volta vengono vendute a terze parti, che ne fanno un uso scorretto.

In questo modo è molto semplice che il pirata informatico tenti di raggirare gli utenti con questi metodi scorretti.

Ecco qualche consiglio per non abboccare alla truffa del sextortion:

  1. Non esiste alcun video che ti ritrae in momenti intimi o durante atti impuri;
  2. Non cliccare alcun link (qualora fosse presente) contenuto in queste email;
  3. Non trasferire denaro come ti viene richiesto, questa è pura estorsione;
  4. Cambia la password delle tue e-mail e dei suoi profili social network;
  5. Disiscriviti alle newsletter di siti web che non conosci o ritenuti inaffidabili;

Se seguirai questi consigli, i rischi saranno certamente ridotti. Nessun pirata informatico può entrare in possesso del materiale contenuto sul tuo smartphone o device elettronico a meno che:

  1. Non hai ceduto dati a terzi o fatto l’accesso su siti non ufficiali e senza protocollo di sicurezza Https;
  2. Di recente o in passato hai cliccato un link su una delle tante email di Phishing;
  3. Hai ceduto il tuo dispositivo in mano a gente poco raccomandabile, che ti innescato virus o malware per rubare i tuoi dati e avere il pieno controllo di quest’ultimo;

Viceversa stai certo di poter essere al sicuro.

Come Evitare le Truffe Online con la nuovissima Applicazione per iOS e Android

Una delle paure più grandi per chi bazzica il web, è quella di inceppare sulle truffe su internet. Al giorno d’oggi non è difficile trovare qualcuno che in un modo ortodosso tenti di fregarti.

Quindi come si può evitare la truffa online? Da oggi sarà molto più semplice grazie all’applicazione Weldpay. Un software realizzato dall’azienda di Brescia (la stessa WeldPay SRL).

Weldpay approvata dal progetto PostepayCrowd 2.0

PostepayCrowd 2.0 è l’iniziativa realizzata da PosteItaliane in partnership con aziende di grosso calibro come MasterCard e Eppela, creata per favorire i pagamenti digitali e per aumentare il loro grado di sicurezza.

Weldpay è stata approvata in questo progetto innovativo, per favorire la sua crescita e per smascherare un truffatore online. L’app in soli cinque step permetterebbe di effettuare gli acquisti in sicurezza, senza alcun rischio.

1. Acquista nel tuo sito preferito

Recati in uno dei siti online affidabili per fare degli acquisti e dopo esserti affidato a Weldpay, l’app stessa procederà all’inserimento nel carrello del prodotto.

2. Conferma l’acquisto

Da questo momento in poi confermerai l’acquisto, per essere certo dell’oggetto o del servizio che vuoi ottenere.

3. Paga con Weldpay

Weldpay accetta e mette in sicurezza il tuo pagamento.

Grazie ai controlli e alla tracciabilità, nessun truffatore potrà rubare il tuo denaro a tua insaputa.

4. Verifica e tracking sull’affidabilità del venditore

Questa è la parte cruciale in cui l’azienda di sicurezza bresciana, effettua le ultime verifiche e fa un check completo del venditore.

In questa fase (prima di effettuare il pagamento), l’applicazione attraverso i suoi algoritmi sicuri, si accerta che il venditore sia affidabile e che non sia una truffa.

5. Goditi il tuo oggetto, la tua moto o la tua vacanza!

Se l’analisi è andata per il verso giusto, il pagamento verrà effettuato nei confronti del venditore e potrai godere del tuo acquisto.

Come avrai intuito l’obiettivo di Weldplay è quello di tutelare sia il venditore che l’acquirente da potenziali truffe.

Il software di sicurezza realizzato dalla società di Brescia, non è altro che un intermediario per mettere in sicurezza gli utenti e per portare a termine l’operazione con un lieto fine.

Come usare e scaricare Weldpay

Prima di tutto bisognare registrarsi gratuitamente e inserire i dati corretti, affinché ti venga assegnato l’accesso all’area clienti.

Dopodiché dal momento in cui l’applicazione Weldpay è nelle sue ultime fasi di progettazione, il lancio su Play Store e App Store avverrà nel giro di pochi giorni.

Una volta scaricata potrai:

  • Acquistare in sicurezza sia prodotti usati che nuovi;
  • Prenotare in modo sicuro una vacanza, senza rischiare una truffa;
  • Acquistare in sicurezza e ricevere suggerimenti sulle auto usate e nuove;

Per non restare indietro ti consigliamo di seguire i profili social come la pagina Facebook Weldpay e il canale YouTube Weldpay SRL per guardare contenuti istruttivi su come difenderti dalle truffe in rete.

Le 5 truffe online più diffuse nel 2018

Abbiamo raccolto una lista delle truffe online più utilizzate nel 2018, sia in ambito Facebook che in fase di contatti privati via email.
I campi dove i truffatori sguazzano online sono veramente molti, ma un pò come quando le truffe avvenivano fuori dai centri commerciali ora si sono spostate online, dove la gente passa la maggioranza del suo tempo.

  • L’aiutino nella ricerca del lavoro
    Quando pubblicate su Facebook annunci di lavoro, o vi lamentate sulla vostra bacheca della assenza di lavoro nella vostra città o paese potreste essere contattati da questi viscidi che con un piccolo acconto vi assicurano di trovarvi un lavoro o di agevolarvi nell’ingresso in qualche azienda.
    Diffidate sempre da chi vi chiede del denaro per farvi entrare in qualche posto di lavoro, soprattutto se la richiesta viene formulata online.
  • Lavorare da Casa
    Lavorare da casa è sempre stata una delle ambizioni che come un miraggio accomunano molte persone, da qualche anno però possiamo trovare diverse persone online che con la scusa di farvi inserire nel loro team di lavoro vi chiede di investire in un piccolo kit per iniziare a lavorare. Peccato che il lavoro di chi vi propone il kit sia proprio questo, quello di vendere kit di ingresso a più persone possibili, garantendosi cosi una rapida scalata nel sistema piramidale appena scelto.
  • I truffatori immobiliari
    Molte volte, che voi stiate cercando una casa al mare, o che cerchiate di affittarla per monetizzare potreste essere contattati da individui che vi propongono laute soluzioni, sparendo poi con l’incasso delle commissioni poco dopo.
  • I Falsi datori di lavoro
    Classica truffa ai danni di chi cerca lavoro, con una scusa si fanno inviare i documenti di riconoscimento del malcapitato di turno, che cosi consentirà l’apertura di qualche carta ricaricabile che servirà a truffare nuovamente gente online. I Documenti sono molto importanti, con una Carta d’Identità e un Codice Fiscale possiamo aprire addirittura un conto corrente online, che potrebbe essere utilizzato per mettere a segno numerose truffe, prestate quindi attenzione a chi li inviate.
  • Sexy ragazze pronte a giocare con te in Webcam
    Una truffa che riguarda al 100% i maschietti, ma che ha colpito veramente tante persone è quella delle sexy ragazze che ti contattano su Facebook e ti spingono a passare la conversazione su Skype, e una volta che vi siete visti come mamma vi ha fatti, puntualmente arriva il ricatto, arrivando a chiedere anche alcune migliaia di euro per evitare che il nostro video amatoriale venga diffuso tra amici e parenti. ( Questa truffa rimane una delle più forti, anche se i dati ovviamente non la rendicontano, essendo una situazione difficile molte volte l’uomo essendo sposato o comunque convivente sceglie di pagare per evitare di essere scoperto dalla moglie )

Truffe Online, ecco come smascherare un truffatore

Molte volte ci capita di essere truffati online dopo aver parlato con qualcuno messo li solo con lo scopo di farci bere meglio la truffa, un pò come i due puntatori che una volta trovavamo a fianco del tavolino nel gioco delle tre carte, complici del truffatore principale che dovevano solo invogliare con la loro presenza il mal capitato di turno e convincerlo dell’affare che stava per fare.

Quindi molte volte il nostro interlocutore durante un affare potrebbe essere un truffatore in piena regola, cerchiamo oggi di capire quali sono i primi avvisagli della truffa che dovrebbero farvi drizzare le antenne.

  1. Preferenze per il pagamento su Carta Postepay
    Come abbiamo già affrontato nei vecchi articoli, per ora la ricarica Postepay rimane uno dei metodi preferiti per i nostri truffatori.
    Intestate molte volte ad ignari utenti che si sono visti scippare i documenti, o magari un classico caso di Commerciante infedele che con gli stessi documenti ne apre più di una e poi le rivende a malintenzionati.
  2. Disponibilità nel trattare sul prezzo
    Molte volte al truffatore non fa nessun problema farvi uno sconto sul prezzo dell’articolo, tanto il prodotto pagato non vi verrà mai spedito, quindi anche se ci guadagna qualche euro in meno fa nulla, ha già guadagnato abbastanza non inviandovi il prodotto.
  3. Grosse immagini di denaro sul proprio profilo
    Aldilà delle classiche truffe legate al non invio di prodotti, molte truffe attualmente si stanno spingendo sul mercato degli investimenti, quindi quando vi propongono di investire in qualche moneta virtuale, strani pacchetti o sistemi multi-level fate bene attenzione al profilo Facebook di chi vi contatta, molte volte per attirare le gole di chi è in cerca dell’affare sicuro pubblicano foto di soldi e di automobili di lusso prese da qualche angolo del web, facendo cadere cosi ignari utenti in queste subdole trappole.
  4. Attenzione alle donnine con profili molto succinti
    Si sa che la debolezza degli uomini sono le donnine carine, e questo lo sanno anche i truffatori, che sfruttano la debolezza dei maschietti per portare a termine la loro truffa, sempre più spesso i truffati in questo modo  tendono a non denunciare per evitare che la moglie venga a sapere delle chat piccanti intrattenute con avvenenti donne.
  5. Sempre una città più lontano dalla vostra
    Il luogo dove vivono i nostri truffatori è molto comune, sempre una città lontana dalla nostra, in modo da evitare subito la classica domanda di scambio di persona. 
  6. Inserite i suoi contatti su google, molto probabilmente non è alla prima truffa
    Se inserite un numero di cellulare o un indirizzo email potete trovare diversi risultati, perché no potreste trovare anche il cellulare o l’email del vostro truffatore già segnalato come truffatore da qualche vittima precedente.
    Google vede anche i risultati nelle bacheche di Facebook, ed essendoci numerosi gruppi che segnalano truffatori o altro potreste trovare diversi risultati positivi.

In conclusione cercate sempre di fare attenzione alle offerte troppo invoglianti, chi ha un prodotto veramente di valore lo svende solo per due motivi, o è rubato o è un pacco e probabilmente non vi arriverà a casa nulla di quello appena pagato. Nel possibile cercate sempre di preferire lo scambio a mano o di utilizzare metodi di pagamento sicuri come Paypal che ha una apposita funzione di pagamento delle merci e un ottimo servizio che in caso di truffa ti consente di riavere il maltolto.

Come Evitare la Truffa delle Carte di Credito su Internet nel 2018

La truffa delle carte di credito è una delle operazioni illecita che i malviventi del web preferiscono. Alcuni utilizzano sistemi di phishing altri pagine fake di siti ufficiali e altri ancora i social network. Ma come si riconoscono?

Per evitare che la tua carte di credito venga svuotata dai ladri sul web, ci sono delle osservazioni a cui dovrai fare molta attenzione.

Come Evitare la Truffa delle Carte di Credito su Internet

5 Regole per non farti rubare soldi dalla carta di credito

La truffa delle carte di credito non è una, bensì i ladruncoli pensano a tantissimi metodi per adescare le proprie vittime.

Ecco quindi 10 regole per tenerti lontano dai gesti di frode, per mantenere il tuo saldo in positivo.

1. Nessuno ti omaggerà i biglietti per viaggi

A meno che tu non sia un influencer o abbia delle partnership in particolare, nessuna compagnia aerea ti omaggerà un biglietto per una semplice condivisione su Whatsapp.

La truffa dei finti biglietti è finalizzata al raccoglimento dati illecitamente, da usare in modo spropositato e con l’intento di farti inserire le coordinate bancarie o delle tue carte di credito.

2. Il certificato https dov’è? Compra nei siti affidabili

Uno dei metodi più sicuri per evitare pagamenti non autorizzati è quello di affidarsi a siti con una certa autorità o quanto meno che abbiano i certificati di sicurezza, come il protocollo https.

Quest’ultimo lo troverai nella barra dell’URL e la dicitura corretta dovrà essere così formulata: https://www.sitoX.com

3. Meglio usufruire delle carte prepagate

Una carta prepagata è la soluzione per evitare di inserire quella principale sui siti che non conosci. Serviti di una PostePay o una qualsiasi prepagata per fare acquisti online.

In questo modo non ci sarà il rischio di andare incontro ad una grossa frode o quanto meno, qualora ti derubino anche la prepagata, il danno sarà certamente minore.

4. Mai usare password tutte uguali

Nonostante la tua memoria non sia poi così illuminante, uno degli errori più comuni è quello di scegliere la stessa password per ogni sito web.

Il malintenzionato qualora riuscisse a trovare la combinazione di un tuo accesso, con la tua stessa e-mail tenterà in tutti gli altri siti in cui sarai iscritto.

5. Phishing via email

Una delle truffe delle carte di credito e per rubare gli account è quello si fare phishing via email.

Ovvero delle tecniche utilizzate al fine di farti accedere al link che ti invieranno sulla posta elettronica, con la scusa di essere una banca o la Posta Italiane per una verifica sul tuo conto.

Diffida da questi messaggi, gli enti autorevoli non ti comunicheranno mai “urgentemente” delle situazioni così delicate tramite email.

Cestinale e non cliccare per nessun motivo, sugli allegati o peggio ancora nei link, che sembreranno molto uguali ai siti ufficiali.

Se hai seguito queste cinque regole, non ti resta che dormire serenamente, senza il pensiero di non trovar più denaro sul tuo conto.